Idee e progetti per le nostre montagne

L’ultima corsa di Ueli Steck, la Swiss Machine

fonte: Montagna TV

Basta pronunciare quel suo nome fulmineo, Ueli Steck, per riassumere quel che ha rappresentato in questi anni per gli alpinisti e gli appassionati di montagne

: la tecnica dell’arrampicata su roccia e ghiaccio portata all’estremo su grandi pareti e montagne, da salire con scioltezza, velocità, con un respiro lungo, nell’eleganza del gesto continuo che allarga gli orizzonti mentre sali verso l’alto. Persino nella comunicazione, anche quella commerciale riusciva ad essere discreto.

Ueli, “la Swiss machine” era anche uomo di indubbia modestia nell’annunciare e nel raccontare le sue imprese, che vivono di luce propria, ma anche riflessa dalla competenza dei suoi tantissimi estimatori.

continua a leggere sul sito


Commenti

commenti